Trovaci su: Twitter

Di Gregory Alegi
In Columnist
26/06/2014
0 Commenti
Alitalia e gli snack di via Veneto Roma, primavera 1947. La guerra è finita da due anni. Cosa ancor più importante, il 10 febbraio l’Italia ha firmato il Trattato di pace. Le condizioni penalizzano gravemente l’Aeronautica militare, ma consentono la ripresa dei voli di linea. Questi sono inaugurati il 14 aprile 1947 dalla Lai, seguita […]...
Di Gregory Alegi
In Columnist
27/05/2014
0 Commenti
La pizza che salvò l’Eurofighter Per le industrie aeronautiche europee l’agosto 1985 fu molto caldo. Non per il clima, ma perché bisognava decidere lo sviluppo di un caccia comune per le loro forze aeree. Dieci anni prima, gli Stati Uniti avevano spiazzato tutti con il piccolo F-16, straordinariamente agile grazie ai computer che controllavano...
Di Gregory Alegi
In Columnist
28/04/2014
0 Commenti
La formula degli spaghetti “Buona notte, allora, signori. Vi lascio ai vostri aeroplani”, disse donna Clara lasciando la sala da pranzo. Era il segnale che gli uomini attendevano per iniziare a parlare con il senatore Giovanni Agnelli di aeroplani, di ali e delle loro strutture. Nonostante il figlio Edoardo fosse morto in un banale incid...
Di Gregory Alegi
In Columnist
31/03/2014
0 Commenti
Tutta colpa di Beaujolais Parigi, 1957. Quinto piano di rue de Rome 35. La stanza guarda sulla storica Gare Saint Lazare. Dentro, André Gréard e una dozzina di piloti di linea armati di lamette si affannano attorno a una pila di riviste dalla copertina gialla. Ciascuno afferra una copia, la sfoglia e poi, con un […]...
Di Gregory Alegi
In In Evidenza
17/03/2014
0 Commenti
Perché quando si parla di bilancio della Difesa spariscono gli usuali confronti con gli altri Paesi europei? Forse perché da decenni la percentuale del Pil italiano destinato al settore è più che in calo. La funzione difesa nel 2012 è costata all’Italia 13,6 miliardi, cioè meno della metà di Francia o Germania e poco più […]...
Di Gregory Alegi
In Columnist
11/03/2014
0 Commenti
FRITTELLE ATOMICHE Elettricisti incapaci di distinguere una presa da un filo. Specialisti con mani senza una traccia di grasso. E, naturalmente, personale di mensa che confondeva mestoli e coltelli. La presenza massiccia di agenti di sicurezza all’interno del 393° Squadrone bombardamento pesante era una delle tante conseguenze della segretissima mis...