Trovaci su: Twitter

Assemblaggio finale per i primi Aermacchi M-346 polacchi

Di Michela Della Maggesa
In In Evidenza
25/02/2016
0 Commenti

E’ iniziato a Venegono l’assemblaggio finale dei primi due “Aermacchi” M-346 destinati all’aeronautica polacca, il primo dei quali volerà a maggio. L’avvio dei lavori è stato celebrato alla presenza del comandante generale delle Forze Armate polacche, generale Miroslaw Rozanski, del generale di brigata Tomasz Drewniak, ispettore della forza aerea e del colonnello Paweł Smereka, comandante della 41esima base aerea di addestramento, accolti dal capo della divisione velivoli di Finmeccanica, Filippo Bagnato. La consegna dei primi due M-346 alla Polonia è prevista per la fine di novembre 2016, “in linea – fa sapere Finmeccanica – con le tempistiche del programma”. Il contratto, firmato nel 2014, prevede la fornitura di 8 addestratori avanzanti, in sostituzione dei TS-11 Iskra attualmente operativi, per un valore di circa 280 milioni di euro. Gli altri velivoli saranno consegnati a febbraio, maggio e ottobre 2017.

Oltre ai velivoli, della cui certificazione si occuperà l’Aeronautica Militare italiana, l’accordo prevede anche un sistema di addestramento a terra, con aule dedicate e materiali didattici, il supporto logistico e un programma di formazione per piloti (16 istruttori polacchi saranno formati a Lecce) ed ingegneri. L’addestramento a terra include il “Full Mission Simulator”, in grado di replicare ogni possibile scenario operativo e di essere messo in connessione con il velivolo durante le missioni di addestramento in volo. L’M-346, che parteciperà alla gara per i futuri addestratori dell’USAF (programma T-X), è già in servizio con l’aeronautica italiana, israeliana (che ne prenderà in tutto 30) e con la Repubblica di Singapore, per un totale, compresa la Polonia, di 59 velivoli ordinati. Finmeccanica sta inoltre promuovendo la macchina in versione “dual role” nel Sud Est asiatico.

Lascia un commento

avatar