Trovaci su: Twitter

Il personaggio

Di Chiara Rossi
In Columnist
26/05/2015
0 Commenti

Direzione in rosa per l’ Asi

Dal primo direttore Carlo Buongiorno, uno dei principali artefici delle attività spaziali in Italia e nel contesto internazionale, all’ultimo Fabrizio Tuzi, già dg del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), la poltrona numero 2 dell’Agenzia spaziale italiana accoglie per la prima volta nella sua storia una donna. Dopo appena un anno dalla nomina, Tuzi ha rassegnato le dimissioni rendendo vacante la propria posizione il 25 marzo scorso e da allora la direzione generale era stata affidata ad interim al dirigente tecnologico Roberto Ibba. Ad aprile, il consiglio di amministrazione dell’Asi ha ratificato la scelta della commissione esaminatrice deliberando la nomina di Anna Sirica a direttore generale. Fino a questo momento a capo della direzione Affari amministrativi dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), Sirica vanta un curriculum ricco di esperienze che applicano gli aspetti amministrativi al settore spaziale.

Direttore_Anna_Sirica

Anna Sirica, neo direttore dell’Asi

Nata a Pomigliano d’Arco il 22 maggio 1969, si è laureata in Economia e commercio all’Università Federico II di Napoli nel marzo 1995 e ha conseguito due master: il primo in Economia pubblica nel 2004 e il secondo in Comunicazione e Gestione delle risorse umane dieci anni dopo, entrambi presso l’Università La Sapienza di Roma. Prima di arrivare alla direzione Affari amministrativi dell’Infn, ha ricoperto incarichi nella Pubblica amministrazione: dal 2002 è funzionario amministrativo presso l’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) fino al 2006, quando assume il ruolo di dirigente ai servizi di ragioneria e di bilancio del Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura (Cra) per tornare nel 2012 all’Inaf, dove è stata segretario generale della segreteria tecnica di presidenza e dirigente all’ufficio bilancio e programmazione finanziaria. E ora alla direzione dell’ente nazionale di ricerca aerospaziale: “Sono orgogliosa di questo nuovo incarico e ringrazio i vertici dell’Agenzia spaziale italiana per la fiducia nei miei confronti. Essere direttore generale di un ente così prestigioso è una sfida che affronterò con dedizione ed entusiasmo”.

Lascia un commento

avatar