Trovaci su: Twitter

La marcia trionfale del Rafale: 24 caccia per il Qatar

Di Michela Della Maggesa
In In Evidenza
30/04/2015
0 Commenti

Dopo l’Egitto, primo cliente export del Rafale, che ha ordinato a Dassault 24 caccia, seguito a brevissima distanza dall’India, che ne ha ordinati 36, il Qatar ha espresso ufficialmente l’intenzione di voler diventare il terzo cliente del caccia francese, con una richiesta per 24 esemplari. A darne notizia l’Eliseo, che ha annunciato la firma del contratto per il prossimo 4 maggio a Doha tra i rappresentanti dello Stato del Qatar, Dassault e Mbda, che fornirà il grosso dell’armamento. “Il Presidente della Repubblica ha incontrato l’emiro del Qatar – si legge in una nota ufficiale -, Cheikh Tamim ben Amad Al Thani, che gli ha confermato l’intenzione di voler avere 24 velivoli Rafale”. In pista nel Paese c’era anche l’Eurofighter, ma con ogni probabilità, sia la velocità dell’accordo con l’Egitto, che la forte pressione internazionale, nonché la necessita di ulteriori asset economici, hanno giocato a sfavore del rivale di sempre.

Come per l’India e l’Egitto, i caccia – così come l’armamento – saranno acquisiti con un accordo governo-governo, ovvero senza alcun trasferimento tecnologico e ad uno standard simile a quello francese. A beneficiare della commessa – pari a 6,3 miliardi di euro – saranno in primis, oltre a Dassaul Aviation e Mbda, Safran e Thales. Il contratto includerà, secondo fonti ufficiali, l’addestramento da parte della difesa francese di 36 piloti del Qatar e di 100 tra tecnici e manutentori. Il costruttore francese, che da questi tre accordi riceverà un forte impulso alla produzione e che ha già visto un rialzo del titolo in Borsa, ha per il Rafale trattative in corso anche in altri Paesi: Malesia, interessata a dotarsi di 16 caccia ed Emirati Arabi.

Lascia un commento

avatar