Trovaci su: Twitter

In ricordo dell’Ing. Fratalocchi, fondatore di Elettronica

Di Luigi Romano
In In Evidenza
16/09/2019
0 Commenti

“Il genio tutto italiano fatto di intuizione, capacità imprenditoriale e attenzione alla alta tecnologia”.  Così il presidente e ceo di Elettronica Enzo Benigni ha voluto ricordare lo zio, l’ingegner Filippo Fratalocchi, che settant’anni fa fondo la società. Lo scorso sabato, a Sant’Elpidio a Mare, in provincia di Fermo, si è tenuta una cerimonia in suo omaggio, con tanto di dedica dello slargo antistante al suo palazzo. Imprenditore illuminato, negli anni 50 portò in Italia una disciplina sconosciuta al tempo, la difesa elettronica per mezzi navali, avionici e terrestri, costruendo le basi su cui si è edificata una multinazionale oggi guidata dal nipote e che conta circa mille dipendenti nel mondo.

“La storia di mio zio – ha detto il presidente e ceo del Gruppo – dimostra il genio tutto italiano fatto di intuizione, capacità imprenditoriale e attenzione alla alta tecnologia, caratteristiche che negli anni Cinquanta hanno permesso la fortunata rinascita industriale del secondo dopoguerra; impegno non disgiunto dell’attaccamento al suo territorio e alle sue radici messe sempre in primo piano”. Benigni si è dunque detto “onorato di avere la possibilità di proseguire questo modello imprenditoriale, nel rispetto della storia aziendale già avviata, a cui mi sento di aver doverosamente apportato solo attenzione costante all’innovazione, a cui dedichiamo ogni anno circa dieci 10 milioni di euro di investimenti, e uno sguardo verso il mondo, che ci ha resi oggi una multinazionale”. Infine, i ringraziamenti del presidente alla comunità locale e al sindaco di Sant’Elpidio a Mare “per questo tributo che ci rende orgogliosi cittadini di questa città, che resta per noi un fondamentale riferimento”.

Dalla fondazione di Fratalocchi sono passati settant’anni, un periodo nel quale Elettronica è cresciuta fino a essere oggi all’avanguardia nel settore Electronic Warfare. Oggi fornisce ai governi di trenta Paesi oltre tremila sistemi ad alta tecnologia. I sistemi di Elettronica sono progettati per una varietà di missioni operative chiave, dalla sorveglianza strategica, all’autoprotezione, al Sigint, alla difesa elettronica e al supporto operativo per applicazioni aeree, navali e terrestri. La compagnia vanta un solido record di collaborazioni nazionali ed internazionali di successo su tutte le principali piattaforme militari moderne come il fighter Tornado, il caccia Eurofighter Typhoon, l’elicottero NFH-90, la piattaforma PPA italiana, le navi italiana e francese Horizon e FREMM, e una vasta gamma di progetti in diversi paesi in tutto il mondo. Da ultimo, è arrivato anche il Tempest, il caccia di sesta generazione promosso dal Regno Unito e che ha visto la recentissima adesione italiana.

Lascia un commento

avatar