Trovaci su: Twitter

In Florida il primo stabilimento al mondo di produzione satellitare ad alto volume

Di Michela Della Maggesa
In SPACE ECONOMY
23/07/2019
0 Commenti

OneWeb Satellites, joint venture tra OneWeb e Airbus, ha inaugurato il 22 luglio in Florida il primo stabilimento al mondo per la produzione satellitare avanzata ad alto volume e ad alta velocità, finalizzata a portare la connettività internet a tutti e ovunque. Tradizionalmente, i satelliti sono costruiti su misura, costano decine di milioni di dollari e occorre oltre un anno per produrne solo uno. Lo stabilimento di OneWeb Satellites è il primo a impiegare tecniche di produzione in serie su scala industriale per i satelliti. Questo consente una notevole riduzione dei costi e dei tempi di produzione – permettendo la costruzione di un satellite per turno o di due al giorno –  e rende la tecnologia spaziale molto più accessibile.

Le capacità produttive della struttura sosterranno in primo luogo la rapida espansione della rete OneWeb, partendo da una costellazione di 650 satelliti e arrivando fino a 1.980 satelliti, così da offrire una connettività globale. Con metà della popolazione mondiale priva di connessione e la connettività irregolare che persiste durante i viaggi in mare e in volo, i satelliti per le telecomunicazioni ad alte prestazioni realizzati in questo stabilimento consentiranno un diffuso accesso a internet ad alta velocità, in grado di sostenere assistenza sanitaria, istruzione e sviluppo economico nel mondo.

Lo stabilimento, della dimensione di oltre 32.000 metri quadrati, comprende due linee di produzione in grado di realizzare due satelliti al giorno e sta contribuendo a rilanciare la Space Coast della Florida, con 250 nuovi posti di lavoro ad alta tecnologia e 3.000 posti di lavoro indiretti lungo la supply chain. La tecnologia produttiva rivoluzionaria di OneWeb Satellites rappresenta anche un’enorme opportunità per altri clienti commerciali e governativi, offrendo agli utenti finali un notevole risparmio sui costi e aprendo le porte a missioni precedentemente impensabili.

 

 

Lascia un commento

avatar