Trovaci su: Twitter

Esercito: anche una dimostrazione operativa per i 103 anni dell’Arma Tramat

Di Michela Della Maggesa
In In Evidenza
23/05/2019
0 Commenti

Unità appartenenti all’Arma dei Trasporti e Materiali (Tramat) hanno condotto  una dimostrazione pratica che ha evidenziato come l’Esercito, grazie alla capacità dual-use delle proprie unità, oltre all’impiego nelle operazioni sul territorio nazionale e all’estero, è una risorsa preziosa in grado di fornire, tempestivamente e con efficacia supporto alla popolazione in caso di pubblica calamità e di soccorso.

La particolare esercitazione – che si è sviluppata attraverso l’allestimento di un posto smistamento feriti e distribuzione carburanti speditivi e di un assetto di gestione dei servizi aeroportuali – si è tenuta in occasione delle celebrazioni del 103° anniversario della Battaglia degli Altipiani e Festa dell’Arma dei Trasporti e Materiali (Arma logistica per eccellenza dell’Esercito) a cui ha partecipato il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale Salvatore Farina.

La cerimonia si è svolta al Comando dei Supporti Logistici, alla presenza delle Bandiera di guerra dell’Arma dei Trasporti e Materiali, dell’11° Reggimento Trasporti “Flaminia”, del Reggimento di Manovra Interforze e dell’8° Reggimento Trasporti “Casilina” e del Gonfalone di Roma Capitale. Presenti il comandante Logistico dell’Esercito, generale Francesco Paolo Figliuolo, il capo dell’Arma dei Trasporti e Materiali, maggior generale Gerardo Restaino e il comandante dei Trasporti e Materiali, maggior generale Arnaldo Della Sala.

La ricorrenza è legata alla Battaglia degli Altipiani che nel maggio 1916 consentì di arrestare le truppe austro-ungariche proiettate verso la pianura veneta allo scopo di aggirare il dispositivo difensivo italiano. La manovra ebbe successo anche grazie al contributo degli Autieri, che seppero trasferire in brevissimo tempo dal Fronte dell’Isonzo a quello degli Altipiani migliaia di soldati e materiali. Oggi, l’Arma dei Trasporti e Materiali assicura il sostegno alle Unità della Forza Armata in tutte le attività operative e addestrative, in Italia e all’estero.

E in tema di addestramento, dal 9 al 18 maggio, la Brigata Folgore ha preso parte all’esercitazione multinazionale “Immediate Response 2019 (IR 19)” svoltasi nella Air Base di Cerklje (Slovenia) e nella Military Training Area di Slunj (Croazia).  L’IR19 è il primo di tre eventi addestrativi che si terranno nelle regioni balcaniche fino alla fine di giugno con l’obiettivo di consolidare la capacità di fornire una risposta rapida ed efficace ad esigenze internazionali, “migliorando e incrementando il coordinamento, l’interoperabilità tra Forze Armate di diverse nazionalità e le capacità Joint Forcible Entry a seguito aviolancio”. Spiega l’Esercito. La fase finale dell’esercitazione si è svolta nell’area di Slunj (Croazia), dove gli esploratori paracadutisti italiani hanno supportato le unità americane per agevolare la neutralizzazione degli obiettivi finali.

Lascia un commento

avatar