Trovaci su: Twitter

Anche lo spazio nell’offerta di Leonardo al Brasile

Di Michela Della Maggesa
In In Evidenza
27/03/2019
0 Commenti

LAAD 2019, la principale manifestazione dell’America Latina dedicata alla difesa e sicurezza, riapre i battenti il 2 aprile a Rio de Janeiro. Al salone Leonardo sarà presente con le proprie tecnologie a supporto dei programmi di maggior interesse nel Paese. Dalle nuove corvette Tamandarè della Marinha do Brasil all’ammodernamento di altre classi di navi, ai requisiti per elicotteri per impieghi navali – dove Leonardo offre l’AW109 e l’AW119 – di polizia, pubblica sicurezza e addestramento.

Per quanto riguarda le corvette, Leonardo è impegnata assieme a Fincantieri e Vard nell’offerta alla Marina brasiliana di quattro unità.  La commessa da circa 1,6 miliardi di euro vede in gara, oltre alla cordata italiana, un consorzio composto dalla brasiliana Embraer e dalla tedesca ThyssenKrupp, il tandem olandese-svedese Damen-Saab e un raggruppamento di imprese francesi guidato da Naval Group. L’offerta di Leonardo è concentrato sul trasferimento tecnologico, che prevede non solo l’istallazione, ma anche l’autonomia e la futura evoluzione dei sistemi elettronici delle navi.

In Brasile l’azienda è già al lavoro sul contratto per l’estensione del supporto logistico per i velivoli AMX e per la consegna degli elicotteri Super Lynx Mk21B ammodernati alla Marina. Attiva nel Paese dagli anni ’70, Leonardo ha una presenza industriale distintiva e partnership consolidate in tutti i settori. Con oltre 200 elicotteri in servizio e un centro di supporto logistico tra i più grandi al mondo per assistenza tecnica, manutenzione e riparazione di elicotteri dell’America meridionale, il Brasile rappresenta per Leonardo il principale mercato elicotteristico di tutta l’America Latina.

Sul fronte avionico, sono circa 150 i radar a bordo delle principali piattaforme in servizio nel Paese: AMX, F-5, KC-390, P95, Super Lynx Mk21B e il nuovo caccia della FAB, il Gripen E, dove l’azienda fornisce circa il 60% dell’elettronica di bordo (radar di ricerca e inseguimento e di controllo del tiro, sistemi di identificazione), coprendo l’intero spettro dei sensori primari che garantiscono al velivolo una superiorità ISTAR, in termini di intelligence, sorveglianza, rilevamento e acquisizione bersagli.

Leonardo ha inoltre supportato il Brasile con radar di controllo del traffico aereo militare. Forte della positiva esperienza maturata nel programma AMX, Leonardo guarda oggi all’opportunità per la Forza Aerea del Brasile di dotarsi di una capacità di addestramento di nuova generazione, settore in cui l’azienda offre soluzioni di eccellenza come l’M-346 e servizi di customer support innovativi.

Nel settore della sicurezza di ambiente e territorio con i suoi radar meteorologici operati dal centro nazionale di monitoraggio e allerta per i disastri naturali, Leonardo fornisce, con la controllata Telespazio Brasil, servizi satellitari per le comunicazioni e per il monitoraggio della deforestazione in Amazzonia, per la prevenzione di emergenze ambientali e il supporto all’agricoltura e per la Difesa. in questo particolare segmento Leonardo ha collaborato di recente all’elaborazione delle immagini spaziali che hanno permesso di studiare la situazione a Brumadinho, nel Minas Gerais, a seguito del crollo di una diga di rifiuti minerali, che ha causato la morte di più di 160 persone. “Il nostro auspicio è quello di poter estendere questo tipo di attività in tutto il Brasile, perché le immagini satellitari risultano vitali per garantire la sicurezza del territorio non solo per quanto concerne questo tipo di disastri, ma anche in molti altri settori di attività, come l’agricoltura e i trasporti”. Aveva dichiarato tempo fa all’agenzia Ansa, Lorenzo Mariani cco di leonardo.

In risposta all’emergenza di sicurezza pubblica e alle iniziative che il Governo sta definendo, Leonardo ha avviato un confronto con le istituzioni locali sulle soluzioni tecnologiche che è in grado di offrire. Collaborazioni di successo e nuove prospettive includono, infine, anche il settore navale, dove nel passato la società ha lavorato per l’ammodernamento delle fregate classe Niteroi e per le corvette Barroso, le comunicazioni terrestri e satellitari per l’Esercito, i sistemi a pilotaggio remoto.

Lascia un commento

avatar