Trovaci su: Twitter

Cresce la fiducia dei cittadini nelle Forze armate. I dati Eurispes

Di Luigi Romano
In In Evidenza
01/02/2019
0 Commenti

Non c’è dubbio: i cittadini italiani hanno fiducia nelle Forze armate. Lo certifica il Rapporto Italia 2019 a cura dell’Eurispes, che da 31 edizioni misura il rapporto della cittadinanza con istituzioni e strutture dello Stato. Carabinieri, Esercito, Aeronautica e Marina aumentano rispettivamente il grado di apprezzamento riscontrato dagli italiani.

“Sono orgoglioso dei nostri militari e ringrazio gli italiani della loro fiducia che onoreremo con massimo impegno”, ha commentato il capo di Stato maggiore della Difesa Enzo Vecciarelli. I dati, aggiunge il dicastero guidato da Elisabetta Trenta in una nota, “promuovono l’impegno delle Forze armate a sostegno della collettività e confermano la crescita della fiducia degli italiani nei confronti dell’Esercito, della Marina militare, dell’Aeronautica militare e dei Carabinieri”.

“Il raffronto con i dati dello scorso anno indica che il livello di fiducia nei confronti delle Istituzioni è in ascesa, addirittura triplicata rispetto al 2017; una ripresa che vede le nostre Forze Armate elemento di forza del sistema-Paese ricevendo tutte oltre il 70% dei consensi”.

In particolare, l’Arma dei Carabinieri raccoglie l’apprezzamento di 7 italiani su 10 (il 70,5% contro il 69,4% del 2018). Per l’Esercito l’aumento è ancora maggiore, con il passaggio al 72,3% dal 70,4% dello scorso anno. Passa al 74,8% (dal 72,9%) l’Aeronautica militare, mentre si conferma intorno al 72,7% la Marina miliare. Anche il comparto intelligence aumenta i consensi, con un aumento del 2,2% fino al 67,6%.

Così, spiega la Difesa, “sul piano della sicurezza l’Italia sta dimostrando grandi capacità a testimonianza del giudizio positivo emerso dal rapporto anche riguardo al contrasto alle minacce del terrorismo internazionale nell’ambito dei precipui compiti di protezione del territorio e della sovranità nazionale”. È riconosciuto “centrale” il ruolo dell’Italia nella Nato, nell’Unione europea e nelle coalizioni cui aderisce.

“Fondamentale” anche la rivalutazione del ruolo delle Forze armate “nelle missioni internazionali sotto il profilo del loro effettivo rilievo per l’interesse nazionale”. Un focus particolare riguarda poi il settore di “ricerca e innovazione tecnologica a supporto dell’industria italiana della Difesa, nell’ambito del più complesso sistema-Paese”. Ma non manca nemmeno l’accento su “sviluppo digitale della Difesa a supporto delle esigenze operative per la sicurezza dello spazio cibernetico oltre al concreto impiego “dual use” delle tecnologie e dei mezzi a favore di tutta la collettività nazionale”. Al centro di tutto questo resta però “la migliore risorsa”, donne e uomini in uniforme al servizio del Paese.

Lascia un commento

avatar