Trovaci su: Twitter

Dicembre 2018

Di Flavia Giacobbe
In Editoriali
12/12/2018
0 Commenti

Dicembre è tempo di bilanci. Non solo quelli legati alla legge di stabilità e alle sue ripercussioni sul comparto (entro gennaio sapremo come saranno ripartiti i tagli di budget alla difesa previsti dall’esecutivo), ma in generale è il momento di tirare le somme dell’anno che si conclude. Se volessimo definire il 2018 potremmo dire che si è trattato di un anno di cambiamento spinto, di instabilità e incertezza legate ai mutamenti politici nazionali, ma anche un anno segnato da cambi di rapporti di forza internazionali. Il progetto di difesa europea nel corso del 2018, per via dei rigurgiti nazionalisti e delle liti tra Paesi, ha sicuramente vissuto una stagione non facile (non da ultima la proposta francese di spingere per un esercito comune, guardata con sospetto dagli Usa di Trump e anche dall’Italia).

Il nostro Paese è riuscito a riportare l’attenzione degli alleati sulla sponda sud del Mediterraneo, grazie alla rinnovata centralità dell’Hub Nato di Napoli e ha posto l’accento sulla situazione libica organizzando il summit di Palermo con al-Sarraj e Haftar (incontro che sarà presto seguito da un nuovo faccia a faccia tra gli esponenti nordafricani e il premier Conte). Altro scenario che è tornato a preoccupare l’Europa è quello ucraino. L’escalation tra Mosca e Kiev ha provocato nuove tensioni tra Usa e Russia e sembra destinato a non risolversi nel breve periodo. E la discussione oltreoceano sull’abbandono del trattato Inf sui missili a medio raggio è un altro tassello che si aggiunge ai tanti dossier che gli Usa sono pronti ad affrontare nel confronto con Putin.

Il report Sipri riferito al 2017 mostra un mercato della difesa in crescita, guidato da Usa e Russia e nel Vecchio continente trainato dal Regno Unito, ma con delle novità a livello internazionale da non sottovalutare come Turchia e India. Una corsa agli armamenti che dovrebbe ricordarci che l’Italia è ferma all’1,15% di spesa militare a fronte di un impegno richiesto e sottoscritto in ambito Nato del 2% del Pil. Un fastidioso richiamo che però ci ricorda il valore dell’Alleanza atlantica per la sicurezza dell’Europa e per le minacce sempre più subdole che dobbiamo affrontare. Cosa ci riserverà il 2019? Certamente l’anniversario dei primi settanta anni della Nato (aprile) e perché no, un nuovo astronauta (o meglio cosmonauta) italiano ad aggiungersi alla squadra vincente del nostro Paese?

Lascia un commento

avatar