Trovaci su: Twitter

Addio CSeries, arriva l’Airbus A220

Di Michela Della Maggesa
In In Evidenza
10/07/2018
0 Commenti

Airbus ha svelato oggi la Famiglia A220, durante una cerimonia al centro di consegna Henri-Ziegler, vicino Tolosa. Davanti a un pubblico composto dai dipendenti di Airbus e dai rappresentanti dei media internazionali, l’A220-300 è atterrato alle 12.25, subito dopo la verniciatura, mostrando il nuovo nome e i colori di Airbus. La Famiglia A220 comprende due modelli, l’A220-100 e l’A220-300, precedentemente conosciuti come la Serie C di Bombardier (CS100 e CS300). Gli aeromobili sono ottimizzati per il mercato da 100 a 150 posti e “sono perfettamente complementari agli aeromobili della Famiglia A320neo”, fa sapere Airbus.

“Tutti in Airbus hanno atteso con trepidazione questo momento storico. Oggi siamo entusiasti di poter dare il benvenuto all’A220 nella famiglia di Airbus, è per noi motivo di orgoglio vederlo indossare i suoi nuovi colori Airbus per la prima volta”, ha dichiarato Guillaume Faury, presidente di Airbus Commercial Aircraft. “Ringrazio tutte le donne e gli uomini di Bombardier e l’intera filiera, per l’impegno profuso negli ultimi anni per dare vita a questo fantastico aeromobile. L’A220 entra ora in una nuova fase della sua carriera, beneficiando di tutte le risorse di Airbus per migliorare il suo successo commerciale in tutto il mondo.”

“Siamo entusiasti di poter vendere l’A220, grazie in particolare alla sua tecnologia che gli conferisce un vantaggio decisivo in un mercato molto competitivo”, ha aggiunto Eric Schulz, Chief Commercial Officer di Airbus. “Ho ricevuto molti riscontri positivi da parte dei clienti in merito all’esperienza di volo eccezionale garantita dall’aeromobile, al suo minor consumo di carburante, al minor peso e ai motori più silenziosi. Tutte queste ragioni contribuiscono al mio ottimismo riguardo al fatto che Airbus sarà in grado di rendere l’A220 un grande successo commerciale.”

All’A220 si è arrivati dopo l’avvio ufficiale delle operazioni di C Serie Aircraft Limited Partnership (CSALP), la società di cui Airbus detiene il 50,01% delle quote e che si occupa del velivolo regionale lanciato da Bombardier. Assieme ai due costruttori è presente nell’azionariato Investissement Québec (IQ), con una quota del 19%. Per quest’anno i piani del programma regionale prevedono di raddoppiare le 17 consegne del 2017 e di avviare una seconda linea di assemblaggio per il mercato americano a Mobile, in Alabama (dove Airbus assembla l’A320), una volta incrementata la domanda.

Secondo le stime di Airbus e Bombardier, la nuova Famiglia di velivoli è posizionata per catturare una larga fetta di mercato, stimata in 6.000 aeromobili sui prossimi 20 anni. L’A220 riguarda anche l’Italia, che partecipa all’ex CSeries tramite diverse aziende. In particolare, la divisione aerostrutture di Leonardo fornisce gli impennaggi verticali e orizzontali, mentre Avio Aero la gearbox dei motori. Assieme a loro, Magnaghi Aeronautica, che si occupa delle superfici mobili di controllo e dei pannelli dei vani carrello e l’azienda campana Dema, per le parti composite della cabina di pilotaggio.

 

 

Lascia un commento

avatar