Trovaci su: Twitter

Leonardo, accordo sui prepensionamenti. Previste assunzioni

Di Michela Della Maggesa
In In Evidenza
13/03/2018
0 Commenti

Leonardo e le organizzazioni sindacali nazionali hanno sottoscritto oggi il Protocollo di intenti sui prepensionamenti, che  coinvolgerà 1.100 dipendenti che matureranno i requisiti per il pensionamento nell’arco temporale massimo dei 4 anni successivi alle uscite programmate nel biennio 2018-2019. Analogo tavolo – fa sapere in una nota piazza Montegrappa – sarà
aperto per l’estensione della misura ai dirigenti. “La sigla dell’accordo inaugura l’importante operazione di rafforzamento delle competenze aziendali, prefigurata dal Piano industriale 2018 – 2022 di Leonardo, per aumentare la competitività e la redditività dell’azienda e delle singole divisioni”. L’obiettivo della manovra della società – che secondo il Sole 24 ore, si accingerebbe anche ad effettuare nuove nomine al vertice per rafforzare la competitività e il supporto al cliente, è di preservare la capacità e la continuità produttiva dei singoli siti, garantendo il mantenimento delle competenze chiave e sviluppandone di nuove.

Parallelamente al processo di efficientamento, l’azienda prevede di avviare, compatibilmente con le risorse economiche disponibili e in linea con gli obiettivi e le esigenze del business, un ciclo di nuove assunzioni. “L’accordo è strategico per sostenere il processo di trasformazione tecnologica e di sviluppo sostenibile dell’azienda”, commenta Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo. “Il Protocollo è una importante tappa per la piena esecuzione del Piano attraverso il
mantenimento delle competenze e l’inserimento di nuovi profili per andare incontro all’evoluzione del mercato”. È previsto l’avvio di tavoli di confronto, a livello divisionale e di aziende controllate, per definire i dettagli operativi, in relazione alle esigenze aziendali e alla maturazione dei requisiti di accesso. L’operazione si svolgerà nel corso del biennio 2018-2019 assicurando il corretto trasferimento delle conoscenze e delle competenze nel periodo intercorrente tra la sottoscrizione dell’accordo e quello dell’effettiva risoluzione.

Intanto Leonardo impegnata a Dimdex ha completato un “cyber assessment” sulla torretta navale OTO 76/62 Super Rapid. Il sistema ha dimostrato un’elevata resilienza alla minaccia di attacchi cyber. L’annuncio è stato diffuso nel corso di Dimdex (Doha International Maritime Defence Exhibition & Conference), attualmente in corso. La valutazione è parte di un processo portato avanti da Leonardo per garantire che i propri prodotti e sistemi siano protetti contro eventuali attacchi cyber ostili. Gli aggiornamenti apportati al sistema di difesa OTO 76/62 SR lo hanno reso sempre più performante ed efficace, da un lato ottimizzandone l’uso, ma dall’altro aumentandone la potenziale esposizione al pericolo cyber. Scopo dell’assessment è stato perciò quello di identificare le possibili minacce e di implementare specifiche contromisure. Partendo dalla tecnologia adottata per l’OTO 76/62 SR e utilizzando una serie di “best practices” in termini di sicurezza informatica, è stato possibile individuare gli scenari di vulnerabilità informatica che potrebbero nascere da azioni deliberate o accidentali. Tra queste, malware e virus presenti su dispositivi rimovibili o comportamenti non corretti in termini di cyber sicurezza. Il principale componente dell’OTO 76/62 SR è la sua console di controllo, da cui sono gestite tutte le altre parti del sistema. Partendo dalla consolle di controllo e considerando successivamente l’intero sistema d’arma, la valutazione ha permesso di individuare debolezze potenziali e predisporre una serie di misure di sicurezza per ridurre i livelli di rischio associati ai casi di vulnerabilità identificati.

Lascia un commento

avatar