Trovaci su: Twitter

Aerospazio, Renzi inaugura la nuova sede Sitael di Pertosa

Di Michele Pierri
In In Evidenza
14/09/2014
0 Commenti

Alla Sitaelplayer tutto pugliese dell’aerospazio ma dalla proiezione ormai globale, giurano che l’idea di un Sud piagnone non è mai piaciuta. Forse è anche questa voglia di “rottamare” i luoghi comuni e investire sul futuro che ha spinto il premier Matteo Renzi a tagliare ieri pomeriggio il nastro della nuova sede dell’azienda a Mola di Bari.

Con Renzi, una lunga serie di politici e personalità del settore aerospaziale e non: dal ministro della Difesa Roberta Pinotti al presidente della Regione Nichi Vendola, passando per l’ex presidente del Consiglio Romano Prodi, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Luca Lotti, il sottosegretario all’Istruzione Angela d’Onghia, il sindaco di Bari Antonio Decaro, il presidente della Provincia di Bari Francesco Schittulli, i senatori Massimo Cassano (sottosegretario al Lavoro) e Nicola Latorre (presidente della commissione Difesa di Palazzo Madama), il direttore del Technical and quality management dell’Agenzia spaziale europea Franco Ongaro, il presidente dell’Agenzia spaziale italiana Roberto Battiston, il direttore dell’agenzia dell’Onu per gli Affari spaziali Simonetta Di Pippo, il presidente del Cnr Luigi Nicolais, l’ad di Poste italiane Francesco Caio, rappresentanti dei principali istituti di ricerca.

Una inaugurazione in grande stile per il nuovo stabilimento di questa realtà produttiva della holding Angelo Investments del cavaliere del lavoro Vito Pertosa (la stessa di Blackshape, che con i suoi aerei in fibra di carbonio ha stupito Farnborough), un gruppo industriale con più di mille dipendenti attivo anche nel settore ferroviario e aeronautico.

Del gruppo di Pertosa fa parte anche la MerMec, impresa storica di Monopoli, mentre Sitael, unica impresa dell’aerospazio italiana presente con la sua tecnologia sulla sonda Curiosity nell’esplorazione di Marte, ha già uno stabilimento a Modugno, sempre in provincia di Bari.

Guidata dall’ad Nicola Zaccheo, Sitael è oggi la più grande azienda italiana a capitale privato del settore aerospaziale, impegnata nella realizzazione di “small satellite” di nuova generazione e strumenti innovativi per missioni spaziali. Ha edificato la sua nuova sede su una superficie totale di 30mila metri quadrati e un investimento di circa 20 milioni di euro.

La nuova “casa” è una struttura su tre livelli composta da uffici, laboratori con strumentazioni ad alta tecnologia, un auditorium e spazi che accolgono circa 300 dipendenti (con proiezioni che prevedono di arrivare a mille lavoratori entro i prossimi 5 anni).

Numeri ed esperienze che dimostrano che il Mezzogiorno – così come l’Italia – non è destinato a un declino ineluttabile, ma che è possibile tentare di percorrere strade alternative alle consuete, scommettendo su know-how e alta tecnologia. La sfida è tutta sulla ricerca e sulla capacità di innovazione.

(foto: Palazzo Chigi)

Lascia un commento

avatar