Trovaci su: Twitter

30 Novembre

Di Redazione
In Save the date
28/11/2017
0 Commenti

LA CYBER SECURITY ALLA CAMERA

Sarà la Camera dei deputati ad ospitare il convegno organizzato dalla Fondazione ICSA dal titolo “Cybersecurity made in Italy – L’industria nazionale della cyber intelligence e della information security”. Il questore della Camera dei deputati, Stefano Dambruoso e il generale Leonardo Tricarico, presidente della Fondazione, apriranno i lavori del convegno, che sarà coordinato dal prefetto Domenico Vulpiani, consigliere scientifico della Fondazione.
“L’evento è incentrato sulla necessità di combattere il crimine informatico attraverso know how e tecnologie italiani, in un settore, quello della cyber-sicurezza, di vitale importanza per la protezione delle infrastrutture critiche e degli interessi nazionali”, spiega una nota della Fondazione.

“I relatori – prosegue il comunicato – saranno i campioni nazionali del settore e anche eccellenze imprenditoriali italiane, società che, pur avendo conseguito importanti successi in ambito internazionale, risultano il più delle volte sconosciute, non valorizzate, lasciate sole nei processi di sviluppo industriale, tecnologico e di promozione sui mercati nazionali ed esteri”. Ulteriore obiettivo del convegno è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica in vista di una messa a sistema e di una valorizzazione delle capacità, degli asset e delle soluzioni tecnologiche di queste società, anche attraverso meccanismi associativi e federativi. Più in generale, nel convegno troverà compiutezza l’assunto circa la necessità di proteggere i sistemi informativi nazionali, grandi e piccoli, rivolgendosi all’industria nazionale, sempre che essa sia in grado di fornire soluzioni, tecnologiche e prodotti sicuri ed efficaci. “ICSA – spiega la Fondazione – da sempre auspica che la protezione dei sistemi e degli apparati informatici delle Infrastrutture Critiche italiane, sia affidata nelle mani di stakeholders nazionali, in grado di fornire maggiori garanzie ed affidabilità rispetto a società straniere, anche se appartenenti a paesi alleati ed amici”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *