Trovaci su: Twitter

Il Governo italiano firma due accordi con le Nazioni Unite in tema spaziale

Di Redazione
In SPACE ECONOMY
22/11/2017
0 Commenti

Ieri a Vienna, presso la sede delle Nazioni Unite, in occasione del Workshop su Open Universe organizzato dall’Italia e dalle stesse Nazioni Unite, sono stati firmati due importanti accordi che segnano un traguardo significativo nella relazioni tra il governo italiano e le Nazioni Unite nel settore spaziale e, al contempo, aprono un nuovo capitolo nelle relazioni tra Asi e l’Ufficio degli Affari Spaziali delle Nazioni Unite (UNOOSA), come spiegato dal comunicato dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Un accordo è stato, infatti, firmato dall’Ambasciatore italiano presso le Organizzazioni Internazionali, Maria Assunta Accili, per conto del governo italiano, e dal Direttore di Unoosa Simonetta Di Pippo, per contro delle Nazioni Unite; il secondo è stato firmato da Roberto Battiston per Asi e dal Direttore di Unoosa per le Nazioni Unite. Quest’ultimo apre la collaborazione a settori, come le scienze spaziali e l’esplorazione, le telecomunicazioni e la navigazione satellitare, l’osservazione della terra e la gestione dei disastri naturali, la formazione ad ampio spettro, dalla tecnologia alla politica e al diritto dello spazio.

Il Workshop dedicato all’iniziativa Asi Open Universe è il seguito dell’incontro tra esperti svoltosi a Roma lo scorso mese di aprile.

Il progetto, presentato al Comitato per l’uso pacifico dello spazio extra-atmosferico (Copuos) delle Nazioni Unite, ha l’obiettivo e l’ambizione di diffondere i complessi dati scientifici relativi allo studio e osservazione dell’Universo, a tutti i settori della società: dalla comunità scientifica classica, ai cosiddetti “citizen scientist”, alle università, passando per le scuole e musei, fino al cittadino comune.

“Open Universe è una delle attività che l’Italia sta perseguendo in preparazione di UNISPACE+50, la conferenza delle Nazioni Unite che si terrà a giugno 2018 in occasione del cinquantesimo anniversario dalla prima conferenza Onu dedicata all’esplorazione e all’uso dello spazio” ha spiegato l’Asi nel suo comunicato. In occasione di UNISPACE+50 la comunità internazionale si riunirà per definire il contributo delle attività spaziali per il raggiungimento degli obiettivi dell’agenda 2030 delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *