Trovaci su: Twitter

Lockheed Martin introduce una nuova famiglia di satelliti

Di Andrea Jorma Buonfrate
In SPACE ECONOMY
20/09/2017
0 Commenti

La Lockheed Martin ha debuttato ieri con una nuova famiglia di trasmettitori satellitari che saranno il nucleo di quasi tutte le prossime missioni spaziali. Da nanosatelliti a satelliti ad alta potenza, la versatilità delle linee comprende decine di importanti miglioramenti e centinaia di componenti che accelerano la produzione e riducono i costi. La società ha annunciato la nuova formazione all’Air Force Air Association, Space & Cyber ​​Conference.

“Abbiamo investito 300 milioni di dollari per riorganizzare le nostre soluzioni satellitari dall’alto verso il basso, applicando ciò che abbiamo appreso da centinaia di piccole missioni satellitari e geostazionarie – ha dichiarato Rick Ambrose, vicepresidente esecutivo della sezione Lockheed Martin Space Systems – Adesso abbiamo una gruppo per ogni missione pienamente integrata con le nostre capacità end-to-end in stazioni di terra, payload e applicazioni software. Mentre le missioni di difesa, scienza e commercio cambiano e si evolvono, saremo pronti con dimostrazioni, potenti e flessibili di tecnologia, per rispondere alle richieste del domani “.

La nuova famiglia di trasmettitori satellitari comprende:

-Serie LM 50™: Questi nanosatelliti flessibili hanno ora una gamma più ampia di dimensioni e potenze. Inoltre, ora beneficiano dell’esperienza e della tecnologia di Terran Orbital.
-Serie LM 400™: La versione aggiornata dell’insieme di piccoli trasmettitori satellitari dell’azienda ha più propulsione rispetto agli altri delle stesse dimensioni e può volare in orbita bassa, geostazionaria o anche interplanetaria. Le efficienze di produzione come la stampa a 3-D velocizzano la linea temporale dell’ordine di consegna fino a 24 mesi.
-Serie LM 1000™: il più recente trasmettitore di Lockheed Martin per missioni di medie dimensioni, LM 1000 presenta la più semplice funzionalità con LM 2100 per ridurre i costi e ospitare i payload di potenza più elevata, come le missioni di telerilevamento. Come LM 400, LM 1000 è costruito per più orbite o missioni interplanetarie.
-Serie LM 2100™: il trasmettitore A2100® modernizzato ha un nuovo nome e una serie di nuovi miglioramenti. Il potente satellite ha 26 miglioramenti che aggiungono maggiore potenza e flessibilità ad una piattaforma comprovata.
“Come la tecnologia si evolve, i clienti ci hanno detto che vogliono cicli di produzione più veloci e più versatilità per il loro investimento, e stiamo ascoltando”, ha detto Kay Sears, vicepresidente della strategia e sviluppo di business per Lockheed Martin Space Systems. “Stiamo trasformando il nostro modo di progettare, progettare e produrre satelliti per fornire le stesse prestazioni e la precisione che i nostri clienti si aspettano da Lockheed Martin, ma più veloci e a un prezzo più basso”.

Per la prima volta, tutti i satelliti di Lockheed Martin condivideranno componenti comuni e più di 280 sono stati identificati. Lo sforzo pluriennale per identificare i sistemi comuni mira a ridurre i costi, ridurre i tempi di progettazione e aumentare l’affidabilità con componenti attendibili. I sistemi di supporto software Lockheed Martin inoltre aumentano la flessibilità e rendono ogni bus riconfigurabile in modo rapido. Mentre le configurazioni possono variare in ciascuna serie, gli elementi fondamentali di ciascun bus manterranno la compatibilità con altri satelliti, incluse missioni nei settori militari, civili e commerciali.

Lascia un commento

avatar