Trovaci su: Twitter

Lockheed Martin vicina a una commessa da 37 miliardi di dollari per gli F-35

Di Redazione
In In Evidenza
19/06/2017
0 Commenti

Il colosso statunitense Lockheed Martin sarebbe vicino a chiudere una maxi commessa da 37 miliardi di dollari per 440 F-35. L’indiscrezione arriva da una fonte citata da Reuters, secondo cui la trattativa di LM con 11 Paesi sarebbe ormai arrivata alla fase conclusiva. I velivoli Joint Strike Fighter, venduti a un prezzo medio di 85 milioni di dollari l’uno, sarebbe diretti ad Australia, Corea del Sud, Danimarca, Giappone, Gran Bretagna, Israele, Italia, Norvegia, Olanda, Turchia e Stati Uniti, i cui rappresentanti si sarebbe incontrati la scorsa settimana a Baltimora, nel Maryland.

Nel caso in cui la commessa si rivelasse vera, si tratterebbe del più consistente accordo nella storia del programma F-35. I velivoli verrebbero venduti in tre diverse tranche tra il 2018 e il 2020, con le prime consegne previste nel 2020 per la prima tranche, la quale consisterebbe nella produzione di 135 F-35 a un prezzo di 88 milioni l’uno. Il passaggio alla produzione ad alto rateo agevolerebbe la riduzione del costo per il JSF che dovrebbe così scendere a 80 milioni di dollari nel 2020.

Intanto, la società guidata dalla ceo Marillyn Hewson è a Parigi per partecipare al salone di Le Bourget. Tra gli eventi di questa settimana, grande attesa riguarda proprio le dimostrazioni in volo dell’F-35A, che si ripeteranno nel corso dei prossimi giorni. E proprio da Parigi, è arrivata notizia della firma di un accordo con l’indiana Tata Advanced Systems Limited (TASL) per la produzione del Block 70 degli F-16.

Lascia un commento

avatar