Trovaci su: Twitter

Due Eurofighter rischierati presso il 51esimo Stormo di Istrana

Di Redazione
In In Evidenza
19/01/2017
0 Commenti

E’ attiva da oggi una cellula d’allarme di difesa aerea grazie ai due velivoli Eurofighter F-2000 del 4° Stormo di Grosseto che ieri sono atterrati ad Istrana, provincia di Treviso. La presenza degli F-2000 presso il 51° Stormo di Istrana, che subentra ad una analoga cellula schierata fino ad oggi presso la base di Cameri, “rientra in una visione strategica dello strumento aereo che, in un’ottica di generale riduzione dei tempi di intervento e di tempestivo contrasto di eventuali minacce di tipo ibrido, mira ad impiegare capacità operative già disponibili al fine di incrementare l’attuale dispositivo di Difesa Aerea, in aggiunta alle attuali misure di contrasto alle minacce di tipo renegade“, fa sapere l’Aeronautica militare.

Il 51° Stormo ha provveduto in tempi rapidissimi al ricondizionamento di alcune infrastrutture nonché degli impianti necessari ad assicurare il pieno supporto tecnico logistico delle attività operative dei velivoli. La capacità operativa dell’Aeronautica Militare di rischierare gli F-2000, sia in campo nazionale che internazionale, dimostra come il sistema della difesa aerea italiana, totalmente integrata nella Nato, sia sempre pronto per concorrere alla sorveglianza dello spazio aereo anche di paesi limitrofi che non dispongono di proprie componenti pilotate di difesa aerea, come la Slovenia e l’Albania. Questa specifica missione viene assicurata dall’Aeronautica Militare mediante operazioni di Interim Air Policing (IAP), alle quali come detto l’Italia partecipa con continuità sui cieli della Slovenia dal 2004 e dell’Albania dal 2009, mentre è stata impegnata in Islanda nel 2013 e nelle Repubbliche Baltiche nel2015 attraverso la Task Force Air (TFA) di Siauliai in Lituania. L’Italia è l’unica nazione dell’Alleanza che ha partecipato, ad oggi, a tutte e quattro le IAP della Nato.

Lascia un commento

avatar