Trovaci su: Twitter

Molte le Istituzioni al Roma Drone Expo&Show 2016

Di Michela Della Maggesa
In In Evidenza
16/05/2016
0 Commenti

“La regolamentazione italiana in termini di utilizzo degli aeromobili a pilotaggio remoto (Apr) ha raggiunto un livello di eccellenza, ma è anche in continua trasformazione ed evoluzione sulla base delle indicazioni che provengono dall’utilizzo dei droni nei vari settori”. Lo ha detto il sottosegretario alla Difesa, Domenico Rossi, durante il convegno “Dove va l’Italia dei droni?”, tenutosi in apertura del Roma Drone Expo&Show 2016, all’aeroporto dell’Urbe di Roma. “La politica industriale – ha aggiunto – ha dato luogo a uno sviluppo di piccole e medie imprese di carattere rilevante, e credo che verso queste Pmi l’adattamento del mercato possa avvenire dal basso verso l’alto, ma anche dall’alto verso il basso. Credo anche che lo sviluppo possa avvenire sia grazie alla pubblica amministrazione, che man mano scopre l’utilità di questi mezzi, sia attraverso i vari utilizzi emersi di recente per i droni, come l’agricoltura, la rilevazione e la protezione civile, settori che invece necessitano di una richiesta dal basso verso l’alto”.

Rossi ha poi parlato del ruolo dei Predator dell’Aeronautica militare, che vengono utilizzati da oltre dieci anni a supporto delle Forze di terra, ricordando che l’Aeronautica è stata la prima Forza armata a utilizzarli con scopi di supporto alle forze di terra in operazioni militari. Una conferma – ha concluso il sottosegretario – di come i droni oramai rappresentano una caratteristica essenziale nell’operatività delle Forze armate italiane”. Il Roma Drone Expo&Show, giunto alla sua terza edizione, ha ricevuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio, dei ministeri della Difesa e dello Sviluppo economico, di Enac, Ansv, Cnr, Enea, Cira e Enav.  “Le piccole e medie imprese che stanno investendo per lo sviluppo di questo mercato – ha dichiarato Luciano Castro, presidente di Roma Drone, hanno la necessità di trovare  supporto da parte delle Istituzioni. E’ urgente definire una normativa che consenta lo sviluppo ordinato del settore, combattere l’abusivismo di operatori non autorizzati e di far partire le grandi commesse pubbliche per l’acquisizione di droni e servizi”.

 

 

Lascia un commento

avatar