Trovaci su: Twitter

Fair competition e trasporto aereo protagonisti alla Luiss

Di Airpress online
In In Evidenza
08/06/2015
0 Commenti

Si è tenuta lo scorso 4 giugno il secondo convegno internazionale sul trasporto aereo dal titolo “The Future of the Air Transport Industry” organizzato dallo Studio Pierallini e l’Università LUISS Guido Carli. In un anno caratterizzato da importanti novità, prima fra tutte l’equity alliance tra Alitalia ed Etihad, che – unita all’espansione dei Gulf Carriers – ha creato un ampio dibattito circa le regole della “fair competition”, nonché da gravi incidenti che hanno posto interrogativi sulla sicurezza del trasporto aereo.

Vivace e subito sorprendente lo scambio di battute tra il direttore generale di Enac Alessio Quaranta e il commissario Antitrust Gabriella Muscolo in merito alla assegnazione delle rotte su Israele. Quaranta ha ribadito che Enac ha fornito ad Antitrust tutte le informazioni e chiarimenti. Maria Cristina Francolini del ministero dei Trasporti  ha rafforzato la posizione di Enac, affermando che nell’assegnazione delle rotte sono stati seguiti i criteri approvati da Antitrust nel 2007. Ma la Muscolo ha replicato che Antitrust ha tenuto conto dei chiarimenti, evidenziando che 7 anni nel dinamico settore del trasporto aereo sono davvero tanti per poter invocare una precedente decisione. Il tutto alla presenza del Capo dell’Unità DG Mobility and Transport della Commissione europea Emmanuelle Maire, del presidente di Enac Vito Riggio, di Paolo Boccardelli e di Gianni Dragoni. Altro confronto serrato quello tra Etihad e Air France-Klm. Il vicepresidente Aeropolitical affairs di Etihad Airways Fathi Atti, a proposito delle attuali posizioni “ostili” verso le Compagnie del Golfo (Emirates, Qatar e Etihad), ha ripercorso la storia dei rapporti. “Negli anni ’70 – ha ricordato Atti – furono le ricche compagnie europee che non potevano raggiungere con gli aerei di allora le destinazioni del Far East (Cina, Giappone, Singapore) a chiedere di poter utilizzare gli aeroporti militari del Golfo per fare scalo e offrendo trattati bilaterali a condizioni di reciprocità. Allora non esistevano le compagnie aeree del Golfo e ora che finalmente anche vettori di quelle regioni possono utilizzare trattati richiesti dall’Europa negli anni ’70, ecco che invece si vorrebbe bloccarli”. Jorn Wegter (Group Legal Counsel Air France-KLM) ha affermato allora di credere nella forza delle alleanze, in particolare in quella di Sky Team, e che la concorrenza è sempre stimolante. A moderare e animare il dibattito internazionale in Luiss sulla “fair competition” un avvocato donna, italiana, esperienza pluriventennale nel trasporto aereo: Laura Pierallini (titolare Studio Pierallini). Con lei Mia Wouters (LVP Law and University of Ghent, Bruxelles), John Balfour (Partner, Clyde & Co LLP, Londra) e Pablo Mendes de Leon (Direttore Istituto Aerospaziale Università di Leiden, Olanda). Il dibattito si è concluso affrontando i temi della safety nel mondo del trasporto aereo post incidente Germanwings, con l’intervento del Comandante Chris Schroeder.

Lascia un commento

avatar